Archivi tag: tutela legale

Prosegue la battaglia legale che da anni abbiamo intrapreso per contrastare l’abusivismo e ripristinare le regole nel nostro settore.

Prosegue la battaglia legale che da anni abbiamo intrapreso per contrastare l’abusivismo e ripristinare le regole nel nostro settore. Nella giornata di ieri si è infatti svolta davanti al Tar del Lazio, l’udienza relativa alla richiesta avanzata da diverse strutture sindacali ed economiche della categoria, di sospensione di alcune parti della circolare interpretativa della Legge 12/2019, emanata dal Ministero degli Interni. Continua a leggere

Trasporti, sindacati Taxi-Ncc: resisteremo un minuto di più dell’ultimo abusivo

associazione_tutela_legale_taxi(AGENPARL) – Roma, 26 set 2016 – “Nella giornata odierna, presso il tribunale di Viterbo, si è svolta l’udienza preliminare per decidere il rinvio a giudizio di un autonoleggiatore, figlio di un noto rappresentante del mondo sindacale del noleggio, accusato di aver fatto una falsa dichiarazione, relativa al possesso di una rimessa situata in un comune del Viterbese”. E’ quanto affermano in un comunicato le strutture sindacali Ugl taxi, Federtaxi Cisal, FIt Cisl taxi, Uil Trasporti taxi, Ati taxi, Associazione tutela legale taxi e Anar. Continua a leggere

L’avv. Giustiniani fa il punto della situazione nel mondo taxi

L’avvocato Marco Giustiniani dello Studio Pavia e Ansaldo interviene a Elleradio spiegando lo stato dell’arte della giurisprudenza e dei ricorsi, delle cause presso vari tribunali d’Italia e anche d’Europa per quanto riguarda il mondo taxi e ncc. Come sempre l’avvocato oltre a essere un eminente giurista ed avere impostato, discusso e vinto una serie impressionante di cause ed aiutato l’Associazione di Tutela taxi ed altre associazioni sindacali taxi in esposti e denunce in tema di abusivismo, è chiarissimo nell’esposizione dei fatti e a fare il punto giuridico in cui siamo. Grazie all’avvocato Giustiniani, ai colleghi che supportano attivamente l’Associazione di Tutela Legale taxi e a tutti gli altri che stanno contribuendo per l’impostazione di nuove attività giudiziarie a tutela del nostro bellissimo lavoro di tassisti. Come sempre NON PASSA L’ABUSIVO!

Comunicato Associazione Tutela Legale Taxi 11-07-2016

Comunicato Associazione Tutela Legale Taxi 11-07-2016“Le scriventi Associazioni comunicano che, a seguito dell’ultima udienza sulla causa UBER-POP tenutasi il 28 giugno scorso, il Tribunale di Torino ha – allo stato – accolto le difese svolte dai nostri avvocati e ha ritenuto legittima la legge quadro 21/1992 e il Codice della Strada senza rilevare alcuna violazione della Costituzione o del Diritto dell’Unione Europea. Questa decisione costituisce una nuova conferma che in Italia le norme ci sono, sono giuste, sono legittime, devono essere rispettate e fatte rispettare. La causa sta quindi procedendo per il meglio, la prossima udienza è fissata al 26 ottobre e salvo sorprese dell’ultima ora, ci si attenderà la sentenza finale per i primi mesi del 2017.

Rigettato il ricorso Ncc/UberBlack dal Tar Lombardia

Rigettato il ricorso Ncc_UberBlack dal Tar LombardiaL’ Associazione Tutela Legale Taxi informa i propri associati e la categoria tutta che con un importante ordinanza emessa in data odierna dal Tar Lombardia i giudici milanesi hanno rigettato un ricorso proposto da noleggiatori che utilizzano la piattaforma UBER BLACK nel milanese. Il Tar ha inoltre chiaramente statuito che:

(a) è in vigore la legge n. 21/1992 come modificata dall’art. 29 comma 1-quater del decreto n. 207/2008;

(b) sono applicabili a chi utilizza la piattaforma Uber Black senza partire dalla rimessa le sanzioni della legge n. 21/1992 e quelle del codice della strada;

(c) non sono condivisibili le conclusioni raggiunte dal parere del consiglio di stato dello scorso dicembre che pareva lasciare spazio alla possibilità di inserimento dei servizi Uber a legislazione vigente, confermando invece nella sostanza le conclusioni raggiunte da altra sezione del Consiglio di Stato nelle sentenze di Grottaferrata;

(d) il servizio UBERPOP è illecito a legislazione vigente, confermando così le ordinanza del Tribunale Civile di Milano dello scorso maggio/luglio 2015.  Continua a leggere