No a macelleria sociale e regali a multinazionali

(ANSA) – ROMA, 30 MAR – «Lanciamo un appello a tutte le forze politiche, affinché in sede di confronto istituzionale, si arrivi allo stralcio dell’articolo 8 del Ddl Concorrenza». È quanto dichiara in una nota Massimo Campagnolo, presidente nazionale di Federtaxi Cisal. Continua a leggere

Audizione X Commissione Senato

Massimo Zappaterra consigliere nazionaleFedertaxi-Cisal  regione Piemonte, audizione congiunta di rappresentanti del comparto Taxi nell’ambito dell’esame del disegno di legge n. 2469 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021).

Richiesta interventi di sostegno per il settore taxi

Roma, 12 gennaio 2022 Oggetto: richiesta interventi di sostegno per il settore taxi Le scriventi organizzazioni sindacali del comparto taxi a fronte della gravissima emergenza provocata dalla infezione del “Corona Virus” che negli scorsi mesi ha totalmente arrestato l’economia del TPL non di linea taxi, nella considerazione del perdurare della crisi che è nuovamente calata in un comparto con assoluti obblighi pubblicistici e che tale crisi non tende ad attenuarsi gravando tutt’oggi pesantemente sugli operatori del settore oramai allo stremo e non più in grado di poter continuare la propria attività, in considerazione dei provvedimenti che il Governo si appresta a varare richiedono urgentemente i seguenti provvedimenti: Continua a leggere

Incontro con il Presidente dell’Autorità di Regolamentazione dei Trasporti

Oggi 11 gennaio 2022 abbiamo incontrato il Presidente dell’Autorità di Regolamentazione dei Trasporti, nell’occasione abbiamo presentato in anteprima le posizioni condivise da queste associazioni e rappresentanze di categoria, sia in merito agli indirizzi e segnalazioni che questa Autorità ha prodotto in passato, sia sulla recente consultazione inerente “le linee guida in materia di adeguamento del servizio taxi per Regioni ed Enti Locali”. Continua a leggere

Sospesa l’efficacia dell’assurda sentenza del Tar Lazio

Le scriventi Organizzazioni Sindacali, Associazioni e Strutture di rappresentanza taxi, comunicano alla categoria che – con Ordinanza n. 6542/21, pubblicata oggi – il Consiglio di Stato ha sospeso l’efficacia della assurda sentenza con la quale il Tar Lazio (lo scorso agosto) aveva dichiarato alcune norme della nostra legge quadro (21/1992) e del Codice della Strada in contrasto con il diritto dell’Unione Europea, generando di conseguenza il rischio di una deregolamentazione del settore NCC e di una apertura indiscriminata a soggetti stranieri (o italiani mascherati da stranieri) che avrebbero potuto svolgere corse senza l’obbligo di rimessa e senza alcun rispetto della territorialità. Continua a leggere