Archivi tag: emendamenti

Presentati due emendamenti al ddl concorrenza

FEDERTAXI E UGL/TAXI ringraziano l’On. Stefano Allasia e il gruppo parlamentare #Lega, per la strenua difesa delle imprese Italiane dalle fauci multinazionali. Grandi comunque vada!!!

.

A.C. 3012 B – Emendamento
Al comma 180, sopprimere la lettera b).
On. Allasia, On. Saltamartini, On. Busin

A.C. 3012 B – Emendamento
Dopo il comma 180 inserire il seguente: Continua a leggere

I Taxisti per i Taxisti Comunicato congiunto Ugl-Taxi, Federtaxi-Cisal, Fit-Cisl, UilTrasporti, UTI

Ringraziamo tutti i convenuti ieri a Firenze, in occasione dell’incontro organizzato per fare il punto della situazione, con uno sguardo al prossimo futuro. Ci preme soprattutto rendere merito ai tassisti che da ogni regione, si sono sobbarcati spese ed ore di viaggio per partecipare, una platea di colleghi composta per lo più da giovani, che con la loro presenza, i loro acuti interventi, hanno fatto sì che il consesso si svolgesse all’insegna del dialogo e della concretezza.  Continua a leggere

Non passa l’abusivo!

FEDERTAXI_FB_2Cari colleghi,
apprendiamo con soddisfazione che i senatori del Movimento Cinque Stelle, dopo diverse sollecitazioni ed un confronto avvenuto con la categoria, hanno deciso di ritirare i propri emendamenti al DdL concorrenza, comprendendo che se fossero stato approvati avrebbero consegnato il settore nelle mani di multinazionali straniere. È un primo importante passo, ma restano ancora molti altri emendamenti pesanti, presentati da senatori di vari gruppi politici che se fossero approvati, segnerebbero la fine del nostro lavoro. Per questo motivo la mobilitazione continua e cogliamo l’occasione per invitare nuovamente tutti i colleghi fuori turno, a partecipare alla manifestazione del 26 gennaio, alle ore 11:00 in piazza Santi Apostoli.
Difendiamo il nostro lavoro. NON PASSA L’ABUSIVO!

Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Unica taxi Cgil, Fit Cisl taxi, Uil Trasporti taxi, Ati taxi, Usb settore taxi

Presentati in Senato 39 emendamenti stermina-taxi

Colleghi, il momento è difficile e greve di tristi presagi sul mondo taxi e sulle nostre famiglie.

trionfo-morte-clusoneIn Senato sono stati presentati la bellezza di 39 (trentanove!) emendamenti  stermina-taxi a firma di 14 (quattordici!) senatori che se accettati anche solo in minima parte o, comunque, in una delle  tante possibili combinazioni porterebbero alla distruzione di 40.000 (quarantamila!) imprese taxi italiane e alla fame le loro famiglie impegnate in mutui e mantenimento della prole.

Questi senatori facenti parte del Governo Italiano, lo stesso Governo, che tassa l’acquisto di una licenza taxi, che impone Leggi, Circolari Ministeriali, Regolamenti a pacchi, Studi di Settore (per lo più fantasiosi e senza basi scientifiche), Tasse Locali Regionali Statali, Bolli, Esami, Rinnovi, Turni, Commissioni Disciplinari, Multe, Irpef, Inps, Cosap (a Firenze la pagano anche i taxi) e chi più ne ha più ne metta, depositano la più grande offensiva mirante a stravolgere le regole accettate e rispettate fino all’entrata nel nostro mercato della famosa multinazionale americana che si vuole impadronire di tutto il Trasporto Pubblico non di linea (e anche di linea, visto l’esperimento della linea U romana!) alla faccia e alle spalle di decine di migliaia di contribuenti senza la minima contropartita o neanche promessa di buonuscita!

Qui gli emendamenti al D.d.L. 2085 presentati in Senato Tomo_X_-_Artt._49-52 (vedi Art. 52).

COLLEGHI SVEGLIA!!!

Ivan Catalano ritira emendamento, comunicato Federtaxi Roma

COMUNICATO_FEDERTAXI_catalano_ritira_emendamento_06-10-2005

Pronti a mobilitazione!

Foto Marco Alpozzi/LaPresse 17 02 2015 Torino ( Italia) Economia  Manifestazione dei tassisti a Torino contro l'applicazione UBER  Nella foto: Un momento della manifestazione    Photo Marco Alpozzi/LaPresse 16 February 2015 Ivrea (Italy) Economy Taxi driver demonstrate against the application UBER In the pic: a moment of demonstration

(OMNIROMA) Roma, 18 LUG – «Troviamo inaccettabile che si proponga una modifica della normativa di settore, costruita su misura per rispondere alle esigenze di una applicazione americana che ha fatto del cyber bullismo la propria nota distintiva, mentre i Tribunali dello Stato la dichiarano fuorilegge». È quanto affermano in un comunicato le strutture sindacali Nazionali Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Fit Cisl taxi, Uil trasporti taxi, Ati taxi, Usb settore taxi.  Continua a leggere