No a sub emendamenti a decreto taxi/ncc

“Chiediamo al governo di non ammettere alcun subemendamento che possa modificare e/o annacquare l’impianto dell’ex DL 143, ora al vaglio delle commissioni in Senato trasformato in emendamento al decreto semplificazioni”. Così in una nota congiunta Fit-Cisl, Lazio, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Tam, Satam, Claai, Faisa Confail taxi, Unimpresa, Ati taxi, Associazione Tutela Legale Taxi e Associazione nazionale autonoleggiatori riuniti. “Viene legittimo pensare – proseguono i sindacati – che sotto pressioni di potenti lobby si voglia minare a livello giuridico il decreto col chiaro intento di renderlo aggirabile, quindi inefficace”

This Post Has Been Viewed 80 Times

I commenti sono chiusi.